mercoledì 01 dicembre 2021
  • 0
di Mario Iannaccone
il Timone N. 182 di Marzo 2019

Houellebecq, viaggio al termine di una civiltà

«Ecco come muore una civiltà, senza seccature, senza drammi, senza spargimento di sangue, una civiltà muore semplicemente per stanchezza», si legge in Serotonina (La nave di Teseo, 332 pagine, 2019) di Michel Houellebecq.

La storia è semplice e raggelante: un membro della nostra civiltà moderna e laicista, laureato in agraria, più che benestante, a un certo punto viene attanagliato dalla noia di vivere. Così inizia il suo ripensamento della vita che lo conduce a viaggi nei luoghi che ha amato, all’isolamento, al desiderio di morte. Intanto celebra la morte del laicismo, tra oscenità e psicosi…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Marzo.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche