giovedì 05 agosto 2021
  • 0
di Fabrizio Cannone
il Timone N. 201 di Dicembre 2020

«Tra Islam e Charlie Hebdo la Francia ritrovi l’identità cristiana»

La Francia, comunque la si giudichi, è per tante ragioni una nazione sorella per noi italiani e ciò che accade all’interno dei suoi confini può, e deve, interessarci. Da ormai almeno 20 anni essa registra alcuni fenomeni che sono portatori di caos, apprensione e turbamento, la cui punta dell’iceberg è senza dubbio il terrorismo islamico. La Francia, sia cristiano-cattolica, sia laico-repubblicana, sta per essere rimpiazzata da una nuova nazione multiculturale e multietnica, in cui l’Islam sembra poter predominare e arriva perfino a gestire la cosa pubblica.

Molte voci si fanno sentire per denunciare questo mutamento epocale. Si pensi a intellettuali come Eric Zemmour, ebreo e conservatore, o a Michel Onfray, ateo, progressista, ma ormai fautore di un “sovranismo di sinistra”. Ieri autori dannati dai media, oggi consideratissimi e letti da milioni di francesi che, almeno dai fatti di Charlie Hebdo (2015), temono una situazione esplosiva e invivibile.

Ne abbiamo parlato con Jean Sévillia (foto), intellettuale cattolico, collaboratore di diverse testate giornalistiche, tra le quali Le Figaro, apprezzato autore di varie biografie (su Andreas Hofer, Zita e Carlo d’Austria, etc.) e di testi utili per discernere la dittatura laicista che si cela dietro la democrazia… (per leggere l’intervista acquista il Timone o abbonati)

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Dicembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche