venerdì 27 novembre 2020
  • 0
di Luigi Piras
il Timone N. 194 di Aprile 2020
La profezia dell’agnello crocifisso

«Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!». Queste furono le prime parole che il Battista, stando al Vangelo di Giovanni, pronunciò «vedendo Gesù venire verso di lui». Quel personaggio macerato dai digiuni, vestito di peli di cammello e che la gente considerava un profeta, indicò subito il Messia con un’immagine che oggi non ci scuote più di tanto.

La sentiamo ripetere ogni volta a Messa nell’«Ecce Agnus Dei qui tollit peccata mundi» e non possiamo dire di rimanerne particolarmente turbati. Invece agli ebrei che assistettero alla scena sul fiume Giordano non dovette sfuggire il riferimento inquietante fatto da Giovanni, perché richiamava non scene di tenerezza e amore, quanto di uccisione, di sventramento, di sangue…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Aprile.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: