giovedì 28 ottobre 2021
  • 0
di AA. VV.
il Timone N. 197 di Luglio 2020

Mai più soli, forse

Dopo i mesi di lockdown a causa del Covid-19 e le misure di distanziamento sociale avremmo voglia di non essere mai più soli. Invece, leggendo Solitudine, libro del giornalista Mattia Ferraresi (Il Foglio e The New York Times), ci siamo accorti che la malattia è in mezzo a noi…gli abbiamo chiesto perché.

Ma accanto a quello “cattivo” da isolamento c’è un distacco “buono”, quello per la ricerca di Dio. «La vera solitudine è popolata di molti volti e di molti nomi», ricorda il vescovo Massimo Camisasca.

Benedetta Frigerio racconta storie vere di esistenze ritrovate obbedendo a un legame. L’assenza di limiti crolla davanti a un bambino, un pastore e a un caffè con un amico.

Per il regista Pupi Avati, intervistato da Andrea Zambrano, la solitudine può anche rivelarsi una risorsa: «La pandemia mi ha fatto scoprire la forza di mia moglie. E ho trovato il tempo per scrivere un romanzo…»

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Luglio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche