martedì 5 marzo 2024
  • 0
Cambio a Cuba? Per i cristiani nulla di buono
NEWS 22 Aprile 2018    

Cambio a Cuba? Per i cristiani nulla di buono

Il portavoce Movimento Cristiano di liberazione (MCL), Regis Iglesias, ha chiesto al nuovo presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel, che riconosca e garantire i diritti dei cubani per parlare solo di cambiamenti nel paese.

“Che il nuovo cognome che ora dà volto al vecchio cognome che muove i fili del potere nel nostro paese riconosca e garantisca i diritti dei cubani. Finora si tratta solo di ciò che per lungo tempo abbiamo già denunciato, i cambiamenti delle frodi”, ha detto Iglesias in una dichiarazione ad ACI Prensa.

Il 19 aprile, Díaz-Canel ha assunto il ruolo di presidente di Cuba per sostituire Raúl Castro.

Tuttavia, Castro continuerà a guidare il Partito Comunista di Cuba al governo fino al 2021; Quell’anno, Díaz-Canel assumerà la posizione di primo segretario dell’unico partito politico legale sull’isola.

Così, nel suo primo discorso come presidente, ha detto che “il compagno Raúl, come primo segretario del Partito comunista di Cuba, guiderà le decisioni più importanti per il presente e il futuro della nazione”.

Il portavoce del MCL ha osservato che “i cubani non possono condividere l’ottimismo di coloro che vedono il cambiamento dei cognomi come un cambiamento di atteggiamento”, perché “il sistema cubano è stato un sistema oppressivo e totalitario e tirannico intrinsecamente malvagio per 60 anni “e” nessuno di questi personaggi così disastrosi per il nostro paese è stato eletto democraticamente “.

“Sappiamo tutti che i cambiamenti nei cognomi non significano cambiamenti che garantiscono i diritti delle persone, i fatti lo dimostrano e non possiamo dimenticare le lezioni della storia”, ha detto. In questo senso, il portavoce del movimento fondato da Oswaldo Payá ha dichiarato di essere ancora in attesa della risposta “alla richiesta di un referendum sul progetto Varela, in modo che i nostri diritti siano riconosciuti e garantiti”; un’iniziativa “supportata da oltre 35.000 cittadini cubani”.


Potrebbe interessarti anche