giovedì 06 maggio 2021
  • 0
NEWS 18 dicembre 2020    di Redazione

Card. Pell: «Trump un po’ barbaro, ma dei nostri. E il ruolo del papa emerito va chiarito»

In occasione del lancio virtuale del suo nuovo libro, il cardinale George Pell ha parlato di com’è stato il suo tempo in prigione prima di essere assolto dalle accuse di abusi sessuali, e ha anche offerto una valutazione del tempo in carica del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e di una serie di regole chiare quando un papa va in pensione.

Parlando ai giornalisti durante una conferenza stampa virtuale del 16 dicembre sul suo libro, Prison Journal , che descrive in dettaglio i primi cinque mesi di prigione, Pell ha detto di aver deciso di scrivere il libro in parte come una «registrazione storica di un periodo strano», ma ancora più importante , perché «ho sentito che le mie riflessioni potrebbero essere in grado di aiutare le persone». (Potete leggere un’anteprima del libro, rilasciata in esclusiva per l’Italia al Timone e pubblicata sul numero uscito in ottobre.)

Nel 2017, Pell, che prestava servizio come capo della Segreteria per l’Economia del Vaticano, ed era uno dei massimi consiglieri papali, è diventato il funzionario cattolico più anziano ad essere accusato di abusi sessuali quando è stato accusato di aver molestato due cantori nella sacrestia della cattedrale di Melbourne negli anni ’90, poco dopo essere stato nominato arcivescovo. Un primo processo si è concluso senza condanna; tuttavia, una seconda giuria lo ha condannato all’unanimità nel dicembre 2018. Questa condanna è stata confermata in appello, ma alla fine è stata ribaltata dall’Alta Corte australiana, consentendo a Pell di tornare libero ad aprile dopo aver trascorso 404 giorni dietro le sbarre.

Nel suo diario, Pell riflette sugli eventi e gli incontri di ogni giorno, inclusi gli sviluppi quotidiani del suo caso legale, così come le sue letture spirituali e le sue preghiere, applicandole alla sua situazione, che considerava un “esteso ritiro” e un tempo da dedicare alla preghiera e alla lettura. Parlando della sua esperienza in prigione, Pell ha detto che «Dio scrive dritto su righe storte». «Mi dispiace ancora che sia successo, non lo avrei scelto», ha detto, «ma ero lì, e per grazia di Dio, ho fatto il mio dovere, mentre ero in prigione, ho fatto il mio dovere cristiano e qualcosa di buono, un po’ di frutti, potrebbe uscire da questa esperienza». Alla domanda se pensasse che il caso contro di lui fosse artificioso o semplicemente un lavoro di polizia sciatto, Pell ha risposto dicendo che «molto probabilmente c’è un po’ di entrambe le cose».

IL RUOLO DA SEGRETARIO PER L’ECONOMIA

In passato, Pell ha suggerito che i suoi problemi legali fossero probabilmente collegati a questo sforzo per ripulire le finanze del Vaticano. Durante la suo lavoro, si è scontrato spesso con la cosiddetta vecchia guardia della curia romana, il suo avversario più agguerrito era l’allora numero tre della Segreteria di Stato, il cardinale Angelo Becciu. Il prelato sardo oggi è stato estromesso dal Papa dal suo incarico di presidente della congregazione delle Cause dei santi per un’indagine vaticana con accuse di appropriazione indebita. Nei suoi commenti ai giornalisti, Pell ha detto di non avere la prova che ci sia una connessione tra il processo che ha subito in Australia e le beghe interne alle sacre stanze a Roma. C’è fumo, ha detto, «ma non abbiamo la prova del fuoco».

Pell è tornato a Roma a settembre e in questi mesi ha detto di aver incontrato diverse persone, tra cui il papa emerito Benedetto XVI e il suo successore come prefetto del Segretariato vaticano per l’Economia, il gesuita spagnolo Juan Antonio Guerrero Alves. Pell ha sottolineato di non aver incontrato Becciu: «non ci sarebbe molto da discutere tra di noi». Pell ha sottolineato che, avendo quasi 80 anni, non ha intenzione di assumersi ulteriori responsabilità vaticane e non ha intenzione di chiedere un risarcimento per l’ingiusta detenzione, ma intende tornare in Australia per godersi il riposo.

SUL PAPA EMERITO

Nel suo diario Pell commenta anche il ruolo del papa emerito, dicendo che dovrebbe essere “chiarito”. Tra i suggerimenti che ha fatto per un papa emerito c’era quello di non vestirsi di bianco, di non insegnare pubblicamente e di tornare a usare il titolo di “cardinale” al posto di papa, per evitare confusione. Facendo riferimento a questi suggerimenti, Pell ha affermato di rispettare le posizioni teologiche e dottrinali di Benedetto XVI e ha espresso la speranza che un giorno il papa emerito sarà nominato santo e dottore della Chiesa. Tuttavia, «per alcuni anni ho pensato che l’unità della chiesa non fosse qualcosa» da prendere alla leggera; «Non ho incontrato nemmeno una persona a Roma che non creda che siano necessari protocolli per i papi che vanno in pensione», ha detto.

TRUMP: “CONTRIBUTO POSITIVO ALLA CAUSA CRISTIANA”

Pell ha anche offerto la sua valutazione del singolo mandato del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, dicendo «era un po’ un barbaro, ma era il nostro barbaro». Definendo Trump un «presidente controverso», Pell ha anche elogiato alcune mosse fatte da Trump, come le nomine alla Corte Suprema e la sua decisione di partecipare all’annuale Marcia per la Vita. «Sono grato per questo e non sono uno che corre in giro cercando di dannare la sua memoria», ha detto, aggiungendo: «In una democrazia noi cristiani abbiamo il diritto, e anzi il dovere, di lottare per mantenere i valori cristiani in vita, perché nel momento in cui iniziano a scomparire, anche nozioni come verità e ragione e libertà di parola scompaiono. Nel complesso penso che Trump abbia dato un contributo positivo alla causa cristiana, ma in altre aree, non sono così sicuro che sia stato sufficientemente rispettoso del processo politico», ha detto Pell, aggiungendo, «non è cosa da poco indebolire fiducia nelle grandi istituzioni pubbliche».

Nonostante le sfide della sua battaglia legale, Pell ha detto che ci sono stati alcuni vantaggi, come le numerose lettere che ha ricevuto, il sostegno di amici e familiari e il cambio di ritmo dalla vita di un cardinale impegnato con un ritmo più lento di preghiera e riflessione. Notando che molti sostenitori hanno espresso la loro convinzione che Pell fosse il capro espiatorio per tutti gli scandali di abusi clericali in Australia e l’incapacità della gerarchia di affrontare adeguatamente il problema, Pell ha detto che «non è affatto a suo agio nel ruolo di eroe». «Ho cercato di fare il mio dovere e sono stato molto rincuorato dalla gente», ha detto. Il cardinale Pell ha detto che credeva ci fossero elementi di “male” dietro la sua incarcerazione, dicendo «le forze contro di me usavano inganni o incomprensioni o creavano confusione, aumentando l’oscurità». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche