lunedì 29 novembre 2021
  • 0
NEWS 16 Novembre 2021    di Redazione

«Chiedi scusa e ascolta i cattolici neri»

 

L’ arcivescovo di Los Angeles, Mons. José Horacio Gómez (foto nell’articolo) , ha partecipato lo scorso fine settimana al 23° Congresso dei cattolici e della vita pubblica a Madrid, invitato dagli organizzatori. Il discorso che ha tenuto all’inaugurazione del Congresso (ripreso dal Timone QUI), dedicato alle ideologie che attraversano i movimenti per la giustizia sociale, ha avuto grande risonanza. Molti hanno elogiato il suo coraggio nel denunciare la “visione elitaria del mondo” che cerca di creare un mondo al di fuori della religione e soprattutto del cristianesimo, visto come “un ostacolo al tipo di società che sperano di costruire”.

«In questa visione del mondo d’élite, non c’è bisogno di sistemi di credenze e religioni antiquate. In effetti, per come la vedono loro, la religione, in particolare il cristianesimo, intralcia solo la società che sperano di costruire. Questo è importante da ricordare».

Ha anche osservato che la “secolarizzazione” consiste in realtà nella “decristianizzazione” e che, da anni, sia in Europa che negli Stati Uniti, “è stato compiuto uno sforzo deliberato per cancellare le radici cristiane dalla società e per sopprimere ogni influenza cristiana”. Per spiegare questo processo, ha fatto riferimento alla “cancel culture”, emersa in Nord America, che cerca di espellere dalla vita pubblica coloro che hanno idee politicamente scorrette e che cancella anche la storia, se ritenuta non in linea con le istanze alla moda. Il presule, senza timore di essere politicamente scorretto, ha osato difendere che ad essere cancellati sono soprattutto i punti di vista basati sulle convinzioni cristiane.

«E riconosciamo che spesso ciò che viene cancellato e corretto sono le prospettive radicate nelle credenze cristiane: sulla vita umana e sulla persona umana, sul matrimonio, sulla famiglia e altro ancora».

In tal senso, ha spiegato che il modo migliore per comprendere i “nuovi movimenti per la giustizia sociale” è considerarli come “pseudo religioni”. Questi movimenti profondamente atei, di “cultura del risveglio” (woke), “politica dell’identità” cercano di offrire un senso della vita estraneo al cristianesimo, occupando lo spazio precedentemente occupato dalla religione e riducendo il valore dell’essere umano al colore della sua pelle, al suo “genere” o alla sua origine etnica.

«Quella che potremmo chiamare la storia del “risveglio” (woke) è qualcosa del genere: Non possiamo sapere da dove veniamo, ma siamo consapevoli di avere interessi in comune con coloro che condividono il nostro colore della pelle o la nostra posizione nella società. Siamo anche dolorosamente consapevoli che il nostro gruppo è sofferente e alienato, non per colpa nostra. La causa della nostra infelicità è che siamo vittime dell’oppressione di altri gruppi nella società. Siamo liberati e troviamo redenzione attraverso la nostra lotta costante contro i nostri oppressori, conducendo una battaglia per il potere politico e culturale in nome della creazione di una società di equità»

L’arcivescovo ha osservato che questi movimenti ideologici sono stati “seminati e preparati per molti anni nelle nostre università”. Forse anche per questo motivo il discorso ha sollevato grandi lamentele anche negli ambienti universitari, soprattutto nelle università gesuite.

È in questo contesto che è iniziata una raccolta firme per chiedere al vescovo Gómez di scusarsi pubblicamente per il suo discorso. Tra le dodicimila firme raccolte finora, ci sono quelle di padre Bryan Massingale, noto teologo dell’Università dei Gesuiti di Fordham, Miguel Díaz, teologo dell’Università dei Gesuiti di Loyola a Chicago, Kathleen Dorsey, Direttore dell’Istituto di Catholic Studies Blacks della Louisiana Jesuit University, o Shannen Dee Williams, professore di storia cattolica nera alla Dayton Marianist University.

In questa petizione, intitolata “Chiedete scusa e ascoltate i cattolici neri”, le dichiarazioni dell’arcivescovo sono descritte come “dolorose” e “offensive”, e si pretendono delle scuse per quanto detto. La petizione è stata firmata anche dal presidente della Trinity Washington University e dal cappellano della Chicago Workers Federation.

Come riporta il National Catholic Reporter, l’Association of Catholic Priests of the United States, organizzazione progressista che difende, ad esempio, l’ordinazione sacerdotale delle donne, l’accettazione delle relazioni omosessuali nella Chiesa o la fine del celibato, ha pubblicato una dichiarazione in cui il suo Direttore Esecutivo, padre Stephen Newton, ha affermato che, dopo aver letto il discorso di monsignor Gómez, “ha avuto il voltastomaco”. Il vicepresidente dell’Associazione ha dichiarato di provare “disprezzo” per le parole dell’Arcivescovo.

Da parte sua, il movimento cattolico Pax Christi ha criticato in particolare che il vescovo Gómez abbia usato negativamente la parola “risveglio”, qualcosa che, secondo il movimento, “è tipico di coloro che sentono che il potere che hanno tradizionalmente esercitato è minacciato da coloro che chiedono un aumento della giustizia, dell’equità e dei cambiamenti sociali”.


Potrebbe interessarti anche