lunedì 29 novembre 2021
  • 0
NEWS 5 Novembre 2021    di Redazione

Élite senza Dio e nuovi movimenti per la giustizia sociale come pseudo religioni

Pubblichiamo una nostra traduzione di lavoro di alcuni stralci del discorso pronunciato ieri, 4 novembre, dall’arcivescovo José Gomez di Los Angeles, presidente dei vescovi statunitensi, al Congresso dei cattolici e della vita pubblica a Madrid, in Spagna (fonte).

di José Gomez*

(…) Mi avete chiesto di affrontare un argomento serio, delicato e complicato: l’ascesa di nuove ideologie e movimenti laici per il cambiamento sociale negli Stati Uniti e le implicazioni per la Chiesa. E, naturalmente, penso che tutti comprendiamo che ciò che la Chiesa sta affrontando negli Stati Uniti sta accadendo anche nel vostro Paese e nei Paesi di tutta Europa, in diversi gradi e in modi diversi. (…)

SECOLARIZZAZIONE E SCRISTIANIZZAZIONE

Penso che tutti sappiamo che mentre ci sono condizioni uniche negli Stati Uniti, modelli simili di secolarizzazione aggressiva sono stati a lungo all’opera in Spagna e altrove in Europa. Nei nostri paesi è sorta una classe dirigente d’élite che ha scarso interesse per la religione e nessun vero attaccamento alle nazioni in cui vivono o alle tradizioni o culture locali. Questo gruppo, che è responsabile nelle aziende, nei governi, nelle università, nei media e nelle istituzioni culturali e professionali, vuole stabilire quella che potremmo chiamare una civiltà globale, costruita su un’economia di consumo e guidata da scienza, tecnologia, valori umanitari e idee tecnocratiche sull’organizzazione della società.

In questa visione del mondo d’élite, non c’è bisogno di sistemi di credenze e religioni antiquate. In effetti, per come la vedono loro, la religione, in particolare il cristianesimo, intralcia solo la società che sperano di costruire. Questo è importante da ricordare. In pratica, come hanno sottolineato i nostri Papi, secolarizzazione significa “decristianizzazione”. Da anni ormai, in Europa e in America, c’è stato uno sforzo deliberato per cancellare le radici cristiane della società e per sopprimere ogni rimanente influenza cristiana. Nel programma di questo Congresso, si allude alla “cancel culture” e al “politicamente corretto”. E riconosciamo che spesso ciò che viene cancellato e corretto sono le prospettive radicate nelle credenze cristiane: sulla vita umana e sulla persona umana, sul matrimonio, sulla famiglia e altro ancora. Nella vostra e nella mia società, lo “spazio” che la Chiesa e i cristiani credenti possono occupare si sta riducendo. Le istituzioni ecclesiastiche e le imprese di proprietà cristiana sono sempre più messe alla prova e vessate. Lo stesso vale per i cristiani che lavorano nell’istruzione, nella sanità, nel governo e in altri settori. Si dice che mantenere certe credenze cristiane sia una minaccia per le libertà, e persino per la sicurezza, di altri gruppi nelle nostre società.

Un altro punto di rilievo dato dal contesto attuale. Abbiamo tutti notato i drammatici cambiamenti sociali nelle nostre società con l’arrivo del coronavirus e il modo in cui le nostre autorità governative hanno risposto alla pandemia. Penso che la storia guarderà indietro e vedrà che questa pandemia non ha cambiato le nostre società tanto quanto ha accelerato tendenze e direzioni che erano già in atto. I cambiamenti sociali che avrebbero potuto impiegare decenni per realizzarsi, si stanno ora muovendo più rapidamente sulla scia di questa malattia e delle risposte delle nostre società. (…). I nuovi movimenti sociali e ideologie di cui parliamo oggi, venivano seminati e preparati da molti anni nelle nostre università e istituzioni culturali. Ma con la tensione e la paura provocate dalla pandemia e dall’isolamento sociale, e con l’uccisione di un nero disarmato da parte di un poliziotto bianco e le proteste che sono seguite nelle nostre città, questi movimenti si sono pienamente scatenati nella nostra società. (…)

LE NUOVE RELIGIONI POLITICHE AMERICANE

Ecco la mia tesi. Credo che il modo migliore per la Chiesa di comprendere i nuovi movimenti per la giustizia sociale sia comprenderli come pseudo-religioni, e persino come sostituti e rivali delle credenze cristiane tradizionali. Con il crollo della visione del mondo giudaico-cristiana e l’ascesa del secolarismo, i sistemi di credenze politiche basati sulla giustizia sociale o sull’identità personale sono arrivati ​​a riempire lo spazio che un tempo il credo e la pratica cristiana occupavano. (…) Forniscono alle persone una spiegazione per eventi e condizioni nel mondo. Offrono un senso, uno scopo per vivere e il sentimento di appartenenza a una comunità. Ancor di più, come il cristianesimo, questi nuovi movimenti raccontano la loro “storia di salvezza”. Per spiegare cosa intendo (…) vorrei provare a confrontare brevemente la storia cristiana con quella che potremmo chiamare la storia del “risveglio” o la storia della “giustizia sociale”. (…)

C’è un’altra storia là fuori oggi – una narrativa rivale di “salvezza” che sentiamo raccontare nei media e nelle nostre istituzioni dai nuovi movimenti per la giustizia sociale. Quella che potremmo chiamare la storia del “risveglio” è qualcosa del genere: Non possiamo sapere da dove veniamo, ma siamo consapevoli di avere interessi in comune con coloro che condividono il nostro colore della pelle o la nostra posizione nella società. Siamo anche dolorosamente consapevoli che il nostro gruppo è sofferente e alienato, non per colpa nostra. La causa della nostra infelicità è che siamo vittime dell’oppressione di altri gruppi nella società. Siamo liberati e troviamo redenzione attraverso la nostra lotta costante contro i nostri oppressori, conducendo una battaglia per il potere politico e culturale in nome della creazione di una società di equità. Chiaramente, questa è una narrativa potente e attraente per milioni di persone nella società americana e nelle società di tutto l’Occidente. In effetti, molte delle principali società, università e persino scuole pubbliche americane promuovono e insegnano attivamente questa visione.

Questa storia trae la sua forza dalla semplicità delle sue spiegazioni: il mondo è diviso in innocenti e vittime, alleati e avversari. Ma questa narrazione è anche attraente perché, come ho detto prima, risponde a bisogni e sofferenze umane reali. Le persone stanno soffrendo, si sentono discriminate ed escluse dalle opportunità nella società. Non dovremmo mai dimenticarlo. Molti di coloro che aderiscono a questi nuovi movimenti e sistemi di credenze sono motivati ​​da nobili intenzioni. Vogliono cambiare le condizioni nella società che negano a uomini e donne i loro diritti e le opportunità per una buona vita. Naturalmente, tutti noi vogliamo costruire una società che offra uguaglianza, libertà e dignità a ogni persona. Ma possiamo solo costruire una società giusta sul fondamento della verità su Dio e sulla natura umana.

Questo è l’insegnamento costante della nostra Chiesa e dei suoi Papi da quasi due secoli, ormai. Il nostro Papa emerito Benedetto XVI ha avvertito che l’eclissi di Dio porta all’eclissi della persona umana. Più volte ci ha detto: quando dimentichiamo Dio, non vediamo più l’immagine di Dio nel nostro prossimo. Papa Francesco afferma con forza lo stesso punto in Fratelli Tutti: a meno che non crediamo che Dio è nostro Padre, non c’è motivo per noi di trattare gli altri come nostri fratelli e sorelle.  Questo è esattamente il problema.

Le teorie e le ideologie critiche di oggi sono profondamente atee. Negano l’anima, la dimensione spirituale, trascendente della natura umana; o pensano che sia irrilevante per la felicità umana. Riducono ciò che significa essere umani a qualità essenzialmente fisiche: il colore della nostra pelle, il nostro sesso, le nostre nozioni di genere, il nostro background etnico o la nostra posizione nella società. Non c’è dubbio che si possano riconoscere in questi movimenti alcuni elementi di teologia della liberazione, che sembrano provenire dalla stessa visione culturale marxista. Inoltre, questi movimenti assomigliano ad alcune delle eresie che troviamo nella storia della Chiesa. Come i primi manichei, questi movimenti vedono il mondo come una lotta tra le forze del bene e le forze del male. Come gli gnostici, rifiutano la creazione e il corpo. Sembrano credere che gli esseri umani possano diventare qualunque cosa decidiamo di fare di noi stessi.

Questi movimenti sono anche pelagiani, credendo che la redenzione possa realizzarsi attraverso i nostri sforzi umani, senza Dio. E come punto finale, vorrei notare che questi movimenti sono utopici. Sembrano davvero credere che possiamo creare una sorta di “paradiso in terra”, una società perfettamente giusta, attraverso i nostri sforzi politici.  Ancora una volta, amici miei, il punto è questo: credo che sia importante per la Chiesa comprendere e coinvolgere questi nuovi movimenti, non in termini sociali o politici, ma come pericolosi sostituti della vera religione. Negando Dio, questi nuovi movimenti hanno perso la verità sulla persona umana. Questo spiega il loro estremismo e il loro approccio alla politica duro, intransigente e spietato. E dal punto di vista del Vangelo, poiché questi movimenti negano la persona umana, per quanto bene intenzionati siano, non possono promuovere un’autentica fioritura umana.

CHE COSA SI DEVE FARE

Questo mi porta alla mia serie finale di riflessioni. La domanda è: cosa si deve fare? Come dovrebbe rispondere la Chiesa a questi nuovi movimenti laici per il cambiamento sociale? La mia risposta è semplice. Dobbiamo annunciare Gesù Cristo. Audacemente, creativamente. Abbiamo bisogno di raccontare la nostra storia di salvezza in un modo nuovo. Con carità e fiducia, senza paura. Questa è la missione della Chiesa in ogni epoca e in ogni momento culturale.

Non dobbiamo lasciarci intimidire da queste nuove religioni di giustizia sociale e identità politica. Il Vangelo rimane la forza più potente per il cambiamento sociale che il mondo abbia mai visto. E la Chiesa è stata “antirazzista” fin dall’inizio. Tutti sono inclusi nel suo messaggio di salvezza. (…)

*Arcivescovo di Los Angeles (Usa)


Potrebbe interessarti anche