sabato 04 dicembre 2021
  • 0
NEWS 25 Novembre 2021    di Redazione

Colombia, la Corte revoca la censura contro l’influencer che difendeva il matrimonio tra uomo e donna

Il caso dell’influencer colombiana Erika “Kika” Nieto, classe 1993, finita sotto il mirino della Lobby Lgbtq+ per aver espresso la propria opinione, in un video del 2018 in cui rispondeva alle domande dei suoi follower rispetto al fatto che il matrimonio è solo tra un uomo e una donna, è finalmente giunto a una conclusione. (Ne abbiamo parlato QUI)

Nella registrazione, pubblicata nel 2018 con il titolo «Il mio video più sincero», Nieto ha risposto alle domande dei suoi follower, affermando: «Credo che Dio ci ha creati tutti, e ha creato l’uomo e ha creato la donna in modo che l’uomo sia con la donna e la donna sia con l’uomo e questo è tutto. Quello che abbiamo fatto dopo, da uomo a uomo e da donna a donna, penso non sia giusto. Attenzione però a questo, lo tollero»

Per l’attivismo arcobaleno queste poche frasi sono state sufficienti per scagliarsi contro l’influencer. E i quasi 8 milioni di follower su YouTube, uniti ai 4,3 milioni su Instagram e a quelli sugli altri social non sono valsi alcuno sconto a “Kika”, che si è vista catapultata in un calvario giudiziario, che comprendeva anche un mandato d’arresto poi ritirato, che si protratto per oltre due anni. Il procedimento legale è stato voluto da José Francisco Montufar Rodríguez, avvocato e attivista LGBTIQ +.

Fin dall’inizio Montufar Rodríguez ha richiesto alla giustizia colombiana di censurare il video e un tribunale ha quindi ordinato alla giovane donna di rimuovere il video negandole il diritto alla libertà di espressione. Ora, la Corte Costituzionale ha annullato tale decisione e ha respinto la causa.

Martedì 23 novembre, la Corte Costituzionale della Colombia ha infatti revocato la sentenza di censura nei confronti dell’influencer “Kika” Nieto, a cui era stato ordinato da un tribunale di grado inferiore di rimuovere dai social il video in cui esprimeva le sue convinzioni cristiane a favore del matrimonio tra uomini e donne. «Nessuno dovrebbe essere censurato o temere sanzioni penali per aver espresso le proprie convinzioni. Insieme a Kika, siamo lieti che la Corte abbia annullato questa decisione di censura. Kika è rimasta ferma nelle sue posizioni durante questo calvario per difendere la libertà di tutti di condividere le proprie convinzioni», ha affermato Santiago Guevara, avvocato di Nueva Democracia, una ONG che, con il sostegno dell’organizzazione di difesa legale cristiana ADF International, rappresentava Nieto.

In un’intervista del 23 novembre, Guevara ha affermato che mentre la sua assistita è ancora una volta libera di condividere le sue convinzioni, la difesa è delusa da alcuni dettagli della sentenza della Corte Costituzionale. «Sebbene la sentenza di secondo grado che ha violato i diritti di Kika sia ora revocata, [la Corte] non si pronuncia sul contenuto di tali diritti», ha lamentato Guevara. «La critica si basa sul fatto che la Corte avrebbe dovuto riaffermare il precedente stabilito nel SU-355 del 2019 e precisare che quanto espresso da Kika nel suo video era protetto dai suoi diritti fondamentali di libera espressione e di libertà religiosa. In tal senso, la Corte ha tralasciato un’analisi di assoluta rilevanza», ha spiegato l’avvocato di Nieto.

Guevara ha affermato che, sebbene la sentenza sia «definitiva» per questo caso specifico, «non c’è posizione della Corte nel merito che chiuda definitivamente il dibattito. Pertanto, qualora si presentasse una fattispecie analoga, la presente sentenza non costituisce precedente su come risolverla, se non in materia processuale (…) Sarebbe stato conveniente disporre di un precedente che desse una tutela chiara e rafforzata alla libertà di espressione quando vengono emesse opinioni basate su credenze religiose», ha lamentato.

In questo senso, l’avvocato di Nueva Democracia ha affermato che questa non deve essere considerata una vittoria a favore della libertà di espressione e di credo. «Sebbene Kika possa ripubblicare il suo video perché è stata revocata la sentenza che l’ha censurata ingiustificatamente, la verità è che ciò è dovuto a motivi procedurali. Non c’è qui alcuna decisione che ci permetta di affermare che la Corte si è pronunciata a favore della libertà di religione e di espressione», ha ribadito. Guevara ha criticato la Corte Costituzionale per non aver dato «l’importanza che meritava» al caso di Kika Nieto. «Eravamo di fronte a un caso che violava chiaramente la libertà di espressione, la libertà religiosa e un precedente della Corte (SU-355 del 2019) e nulla di tutto ciò è stato preso in considerazione», ha aggiunto.

Tomás Henríquez, Direttore dell’Area Internazionale dell’ADF per l’America Latina ei Caraibi, ha dichiarato che «se diamo valore a una società libera, proteggere il diritto di parlare liberamente è fondamentale. Accogliamo con favore la decisione della Corte di annullare la sentenza di censura di Kika Nieto. Tuttavia, ci dispiace che tu non abbia affrontato il problema di fondo della censura e affermato il diritto di tutti di parlare liberamente. Dobbiamo sempre scegliere il dibattito sulla censura. In conclusione, le persone e la democrazia soffrono quando le voci vengono messe a tacere», ha commentato. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche