giovedì 24 settembre 2020
  • 0
NEWS 27 febbraio 2020    di Redazione
Fermate il genocidio cristiano in Nigeria

Frank Wolf e Toufic Baaklini – National Catholic Register

Proprio di recente abbiamo commemorato il quinto anniversario della morte dei 21 martiri copti della Libia. Questi uomini coraggiosi si sono rifiutati di rinunciare alla loro fede in Gesù Cristo, fino alla morte. Il mondo ha guardato con orrore mentre i terroristi incappucciati dello Stato Islamico (ISIS) hanno registrato su video il loro crimine contro l’umanità con un messaggio spaventoso alla “nazione della croce”. L’incidente ha confermato che il genocidio che l’ISIS stava commettendo contro i cristiani non si limitava all’Iraq e alla Siria.

Boko Haram ha ucciso oltre 27.000 civili in Nigeria. Un numero maggiore della quantità di civili che ISIS ha ucciso in Iraq e Siria messi insieme. Il Global Terrorism Index afferma che la Nigeria è il terzo paese più pericoloso dopo l’Afghanistan e l’Iraq. Open Doors stima che oltre 7000 cristiani nigeriani siano stati uccisi a causa della loro fede negli ultimi tre anni. L’Associazione cristiana della Nigeria riferisce che 900 chiese nella Nigeria settentrionale sono state distrutte. La comunità cristiana sta lottando per rispondere a questo genocidio. Ma Open Doors, che classifica la Nigeria come il 12 ° paese nella lista dei paesi in cui è presente persecuzione cristiana, riferisce che i cristiani «che vedono stuprate le loro madri e sorelle e uccisi i loro padri e fratelli» non sarebbero saggi a combattere perché le milizie di Boko Haram non sono bande di strada: possiedono armi di livello militare. Ci sono prove che suggeriscono che le potenze straniere hanno contrabbandato armi a questi gruppi. Il governo nigeriano deve agire per garantire che vengano chiuse tutte le rotte e i canali di contrabbando tra i fornitori stranieri di armi e le organizzazioni terroristiche e le milizie che operano all’interno dei suoi confini.

Il vescovo Matthew Hassan Kukah di Sokoto ha accusato il governo di «creare le condizioni per consentire a Boko Haram di comportarsi nel modo in cui si stanno comportando». Il presidente Muhammed Buhari viene in qualche modo considerato complice di questo genocidio, e la comunità internazionale deve costringerlo a emanare riforme serie sull’apparato di sicurezza della Nigeria o dimettersi. È stato inoltre evidenziato che, mentre la popolazione nigeriana è divisa quasi uniformemente tra cristiani e musulmani, tutti i capi della sicurezza federale, compreso l’ufficio del consigliere per la sicurezza nazionale e il ministro della difesa, sono musulmani.

In una nota simile, l’arcivescovo Augustine Obiora Akubeze di Benin City, presidente della Conferenza episcopale cattolica nigeriana, ha dichiarato a Catholic News Agency che c’è una «mancanza di un significativo processo» nei confronti dei pastori Fulani che attaccano i cristiani, specialmente nel nord della Nigeria . Fa eco al vescovo Kukah osservando che quasi tutti i consiglieri del presidente appartengono al gruppo etnico Hausa-Fulani e sono musulmani. David Curry di Open Doors ha avvisato che i crimini che le milizie di Boko Haram e Fulani commettono contro i cristiani si qualificano come genocidio perché «[c’è] un gruppo di persone che sta dicendo che elimineranno i cristiani nel Nord; e stanno in gran parte spingendo le persone a scappare o le uccidono». Ha aggiunto che il genocidio è «raramente [chiamato] genocidio fino a quando non è troppo tardi».

 

 


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: