martedì 20 ottobre 2020
  • 0
NEWS 7 ottobre 2020    di Redazione
Il Gran Giurì del Texas accusa Netflix di “pornografia minorile”

Netflix è stato incriminato da un gran giurì in Texas con l’accusa di promuovere «materiale visivo osceno» nel film Cuties. Il film prodotto in Francia ha suscitato critiche al momento del lancio per il suo ritratto sessualizzato di minori. Il gran giurì della contea di Tyler, in Texas, ha incriminato Netflix con l’accusa di «promozione di materiale visivo osceno raffigurante bambini», in un atto d’accusa datato 23 settembre.

Il grand Giurì ha rilevato che Netflix «promuove consapevolmente materiale visivo che raffigura la mostruosa esibizione dei genitali o dell’area pubica di bambini vestiti o parzialmente vestiti che avevano meno di 18 anni al momento della creazione del materiale visivo e che fa appello al pruriginoso interesse per il sesso e non ha alcun valore serio, letterario, artistico, politico o scientifico» distribuendo il film Cuties .

Cuties” è uscito su Netflix l’8 settembre (ne abbiamo parlato qui). È stato originariamente pubblicato in Francia con il titolo francese Mignonnes. Il film racconta la storia di “Amy”, una ragazza senegalese di 11 anni che vive a Parigi con la sua famiglia. I compagni di classe di Amy formano una compagnia di ballo, chiamata Cuties, che si esibisce in danze hip-hop. Man mano che il film va avanti, le danze diventano più osé. Il film mette in contrasto la cultura musulmana conservatrice in cui Amy è cresciuta alla cultura libertina della Francia laica. Netflix ha inizialmente commercializzato il film con un poster che mostra le Cuties in posa in costumi da ballo in spandex, con Amy mostrata accovacciata con le gambe divaricate. Netflix si è scusato e ha ritirato il poster e ha aggiornato la descrizione del film per rimuovere la parola “twerking”.

Il regista del film, Maïmouna Doucouré, ha detto che il suo film aveva lo scopo di evidenziare e criticare l’ipersessualizzazione dei bambini piccoli. Molte persone, inclusi membri del Congresso e i sostenitori della protezione dei minori, hanno contestato questa interpretazione. Dall’uscita del film, più di 700.000 persone hanno firmato una petizione chiedendo che Cuties venga rimosso da Netflix e che il gigante dello streaming sia accusato di sfruttamento di minori.

Poco dopo il rilascio del film, il senatore del Texas Ted Cruz ha definito il film “pornografico” e ha chiesto un’indagine del Congresso. «Se hai la pornografia infantile, se hai bambini coinvolti in attività sessuali, se la produci, se la distribuisci, sei soggetto a sanzioni penali», ha detto Cruz in un’apparizione televisiva il 13 settembre. «Vi garantisco che ogni pedofilo in America guarderà questo film», ha detto.

Cuties include una breve ripresa di un seno esposto; non è subito chiaro quanti anni avesse l’attrice che si è esposta. È implicito che sia minorenne, ma non è una delle Cuties principali. Oltre al seno esposto, ci sono numerosi scatti di Amy in biancheria intima. Molte delle scene di danza sono girate in modo tale che le aree pelviche delle attrici siano il fulcro della ripresa. Nel film, Amy pubblica una foto dei suoi genitali su Internet, anche se l’immagine non viene mostrata agli spettatori. Amy è anche incitata dai suoi compagni di classe a tentare di filmare un video degli organi sessuali del suo compagno di classe maschio. I personaggi principali sono anche raffigurati mentre guardano pornografia nel loro bagno su uno smartphone.

Poco dopo l’uscita del film in lingua francese l’8 settembre, l’hashtag #CancelNetflix ha iniziato a fare tendenza sulle piattaforme di social media. Secondo YipitData, una società di analisi dei dati, a partire dal 10 settembre, le persone negli Stati Uniti hanno iniziato a cancellare i propri account Netflix a un ritmo più alto del normale. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: