lunedì 29 novembre 2021
  • 0
NEWS 19 Ottobre 2021    di Raffaella Frullone

Guarire dalle ferite degli abusi sessuali. Un’americana parla a Parigi

Sono passate solo due settimane dal rapporto sugli abusi da parte del clero che ha scosso la Francia. Per questo l’uscita in questi giorni nel Paese transalpino del libro Vi do la mia pace – un cammino spirituale per le persone vittime di abusi – uscito negli Stati Uniti nel 2018 e tradotto in Italia per le edizioni San Paolo – può essere per molti un balsamo provvidenziale. Ancor più perché accompagnato fisicamente dall’autrice,  Dawn Eden, ebrea convertita al cattolicesimo ed ex giornalista musicale.

La Eden è diventata molto nota nel cattolicesimo Usa dopo  il suo primo libro, The thrill of the chaste (Il brivido della castità), pubblicato nel 2006 e divenuto un bestseller. Le presentazioni di quel testo, gli incontri che sono seguiti, hanno portato l’autrice a condividere sempre di più della propria vita privata, fino ad arrivare a ferite che per anni, prima della conversione, aveva cercato di cancellare a suon di flirt disastrosi e vita mondana.  Dawn Eden infatti è stata lei stessa abusata e lo ha raccontato nel libro ora disponibile anche in francese e che è stato presentato a Parigi. Un libro con il quale lei ha voluto focalizzare l’attenzione sul percorso di guarigione degli abusati, attraverso l’aiuto dei santi. Ecco alcuni estratti delle sue parole che qui potete trovare integralmente in inglese.

«Porto su di me le ferite. Uso il tempo presente perché le ferite derivate dall’abuso non andranno mai via. Ma non sono le stesse di dieci anni fa, e nemmeno di un anno fa. Sono diverse perché sto facendo un viaggio che ha dato loro un nuovo significato. Intendiamoci. Il male che i miei aguzzini mi hanno fatto sarà sempre male. Niente può trasformare un atto malvagio in un atto buono. Ecco perché noi, come Chiesa e come società, dobbiamo intraprendere azioni concrete per prevenire gli abusi sui bambini e sugli adulti vulnerabili. Ma grazie a questo viaggio di guarigione, il male che i miei aguzzini hanno perpetrato non ha più potere su di me. Il male non ha più l’ultima parola. E le ferite che una volta erano solo tossiche per me ora sono diventate aperture affinché la grazia guaritrice di Dio entri in me al livello più profondo».

«C’è un paradosso in quello che ho detto. È il paradosso della Croce. È ciò che ascoltiamo nell’inno cantato all’inizio della Veglia pasquale, l’Exsultet — O felix culpa ! Oh felice colpa! Dal profondo del male, dalla Crocifissione di nostro Signore, viene la gioia della Risurrezione. Sono nata in una famiglia ebrea e sono entrato nella Chiesa cattolica nel 2006, quando avevo trentasette anni. A quel tempo, la Chiesa americana aveva già cominciato a fare i conti con il problema degli abusi sessuali commessi dal clero. È stata costretta a farlo dopo una serie di casi di abuso di alto profilo che sono stati riportati dai media nel 2002, che hanno portato a molte azioni legali. Sebbene le notizie di abusi commessi dal clero mi disgustassero, queste non mi hanno impedito di entrare nella Chiesa. Io ci sono non perché credessi che fosse composta da persone perfette. Sono entrato nella Chiesa perché credevo che, nel corso della mia vita, mi avrebbe reso perfetto».

«Il mio primo abuso è stato perpetrato da un custode della sinagoga frequentata dalla mia famiglia. Mi ha molestato quando avevo cinque anni. Qualche anno dopo, dopo il divorzio dei miei genitori, uno dei fidanzati di mia madre mi ha molestato. Mia madre non ha impedito pur sapendo. Quando ho incontrato Gesù per la prima volta, a trentun anni, sono diventata protestante. Una delle cose, davvero la cosa principale, che mi ha fatto decidere di entrare in piena comunione con la Chiesa cattolica è stata che sono stato profondamente colpito dagli insegnamenti sulla dignità intrinseca che ogni vita umana ha agli occhi di Dio».

«Mi rendo conto che, sulla scia della relazione Sauvé, ciò che ho detto può sembrare incredibile. Sappiamo che i membri della Chiesa hanno fallito, più e più volte, nel riconoscere la dignità data da Dio ai bambini, nell’amarli come Dio li ama e nel prendersi cura di loro come Dio vuole che ci prendiamo cura di loro. Eppure, sono stato attratta dalla Chiesa non tanto per ciò che praticava quanto per ciò in cui credeva. Preferirei adorare Dio in una Chiesa di ipocriti che onorano la verità solo con le loro labbra, piuttosto che vivere da agnostico in un mondo in cui i filosofi secolari relativizzano la verità nell’oblio. L’ipocrisia è il male, ma la negazione dell’esistenza stessa del male è imperdonabile».

«Così sono entrata nella Chiesa portando dentro di me le ferite. Il mio viaggio di guarigione è iniziato con l’apprendimento che ci sono santi in paradiso che hanno ferite come le mie. Per me è stata una rivelazione».

«È stato importante per me imparare che ci sono santi che hanno subito abusi sessuali da bambini, perché per me – e credo che questo sia vero per molte, se non tutte, vittime di abusi – la più grande ferita spirituale che soffro è quella di vergogna. Se dovessi descrivere questa vergogna mal riposta, direi che è un sentimento che si porta per tutta la vita in cui si crede di avere una macchia che nulla, nemmeno i sacramenti, potrà cancellare».

«Questa sensazione, mi affretto ad aggiungere, è una bugia. Non si basa sui fatti. Nessun bambino è mai responsabile degli abusi che gli sono stati inflitti. Non si può parlare di consenso quando si parla di una piccola persona che non è in grado di difendere se stessa, e non è nemmeno in grado di comprendere le azioni a cui si presume, tra virgolette, consenziente».

«Le nostre ferite testimoniano la realtà del male, il male che ci è stato inflitto. E testimoniano anche la promessa della risurrezione. Perché i santi ora portano le loro ferite in cielo come distintivi d’onore. I santi portavano ferite come Gesù e ora le loro ferite, come quelle di Gesù, sono glorificate. Nel mio libro descrivo questo fenomeno usando un testo di una canzone di Leonard Cohen: “C’è una crepa, una crepa in ogni cosa. È così che entra la luce”».


Potrebbe interessarti anche