lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 27 Ottobre 2021    di Redazione

«Il problema di Halloween non sono i costumi o le caramelle». Parola di esorcista

«In definitiva, non credo che ci sia niente di sbagliato nel fatto che i bambini si mettano un vestito, si travestano da cowboy o da Cenerentola e vadano in giro per il quartiere chiedendo dolci. È un sano divertimento», ha detto padre Lampert al Catholic news agency.

Il sacerdote ha assicurato che il pericolo sta nei costumi che volutamente glorificano il male e incutono paura, o quando le persone cercano di «ottenere poteri speciali» attraverso la magia e la stregoneria, anche se solo per divertimento. «Nel libro del Deuteronomio, al capitolo 18, si parla di non cercare di consultare gli spiriti dei morti, né coloro che praticano magia, stregoneria o attività connesse. Sarebbe una violazione di un comandamento della Chiesa, ponendo altre cose prima del rapporto con Dio».

«E questo sarebbe il pericolo di Halloween. Che in qualche modo Dio si perda in tutto questo, che la connotazione religiosa si perda e le persone glorifichino il male», ha aggiunto. Ha anche detto che è importante ricordare che il diavolo e gli spiriti maligni non hanno alcuna autorità aggiuntiva ad Halloween, anche se potrebbe sembrare. «Il diavolo agisce a causa di ciò che fanno le persone. Forse a causa del modo in cui viene celebrato quel giorno, in realtà viene invitato il male nelle nostre vite».

Infine, padre Lampert ha assicurato che una delle cose migliori che i genitori possono fare è usare Halloween come momento di apprendimento e spiegare ai bambini «perché certe pratiche non portano alla nostra fede e identità cattolica».

Anne Auger, invece, madre cattolica di tre bambini nello stato del Wisconsin, ha raccontato alla CNA che pur lasciando che i suoi figli si travestano e chiedano dolci, controlla sempre le case dove passeranno e quindi evita quello decorate «con cose spaventose. L’anno scorso una persona è venuta alla porta vestita da lupo demone. A volte le persone si travestono da streghe e posso capirlo, ma questo era un livello completamente nuovo, così diverso da quando eravamo piccoli noi».

Ha anche ricordato che i genitori dovrebbero insegnare ai propri figli il significato di Halloween, sempre in relazione al giorno di Ognissanti. «Diciamo loro che faremo una festa perché celebreremo i santi in paradiso, ed è per questo che usciamo a fare dolcetto o scherzetto», ha aggiunto.

Anche Kate Lesnefsky, un’altra madre cattolica con figli di età compresa tra 3 e 16 anni, consente loro di scegliere gli abiti per “dolcetto o scherzetto”, purché non instillino paura o sembrino demoniaci. Il giorno dopo porta i suoi figli alla messa per la solennità di Tutti i Santi, e la famiglia ne approfitta per parlare di morte e santità, argomento di cui si parla troppo poco e male.


Potrebbe interessarti anche