giovedì 24 settembre 2020
  • 0
NEWS 17 febbraio 2020    di Redazione
La crisi delle vocazioni religiose e le risposte di un benedettino

Di recente, la rivista tedesca Der Spiegel ha pubblicato un articolo sul declino delle comunità religiose in Germania. Rende deprimente la lettura il racconto di grandi case religiose con comunità in continua diminuzione. Nel 1960, c’erano circa 110.000 religiosi in Germania; nel 1999 c’erano 38.348; ora ci sono circa 17.900. In molte parti del mondo occidentale esiste un problema simile – con, naturalmente, alcune notevoli eccezioni.

In un’intervista con il National catholic register dello scorso settembre, Dom Xavier Perrin, abate dell’abbazia di Quarr, una casa della congregazione di Solesmes sull’isola di Wight, un’isola al largo della costa meridionale dell’Inghilterra, ha parlato con una percezione penetrante delle attuali sfide nell’aiutare la cultura vocazioni alla vita monastica oggi.

Due le sfide principali indicate dall’abate benedettino: «Da un lato, c’è la crisi di fede nel mondo occidentale. Laddove il cristianesimo non è fortemente radicato nelle famiglie e nella società, non dovrebbe sorprendere che un minor numero di giovani sia in grado di ascoltare e rispondere alla chiamata di Dio». Manca la conoscenza di base della fede, quindi è sempre più «difficile entrare nella formazione monastica».

La seconda sfida che Dom Xavier vede è che stiamo attraversando «una crisi antropologica». La stessa comprensione di cosa significhi essere un uomo o una donna sta diventando molto confusa, osserva, così come la comprensione di come la vita umana dovrebbe iniziare e finire. Questa crisi, dice, è in realtà quella che coinvolge «la relazione con il nostro Creatore. L’uomo non riesce a trovare il posto giusto nella creazione. Non esiste un’identità stabile». Di conseguenza «se il terreno non è preparato – un terreno semplicemente umano e cristiano – il seme di una vocazione non potrà fiorire. Abbiamo bisogno di luoghi in cui ai giovani venga insegnata una visione corretta della propria umanità».

Eppure ci sono comunità che sono segni di speranza. Perché? «Può essere, osserva, a causa della personalità del loro leader, o del maestro principale o del maestro ospite. Può essere perché ci sono già alcuni giovani [nella comunità]; quindi, speranza per un futuro. Può essere che un elemento sia particolarmente attraente: questa potrebbe essere la liturgia, o l’ospitalità o la qualità della dottrina. Può essere che l’immagine data dalla comunità sia più positiva: si ha l’impressione che stia iniziando qualcosa di nuovo, che porterà vita». Ma, aggiunge, «questo può anche essere leggermente ingannevole». Tuttavia, dice che se questa energia e zelo sono associati «con una buona dottrina radicata negli insegnamenti della Chiesa e una leadership equilibrata, gli eccessi della gioventù passeranno e ci potrebbero essere bellissimi frutti in futuro».

Per chiunque si stia chiedendo di questa vita, quali sono i segni che l’abate cerca in ogni futuro monaco? «Direi: innanzitutto un fascino per Dio, un’attrazione per il suo mistero insondabile; l’intuizione che Dio basta, che è sufficiente adorarlo, che vale la pena lasciare tutto e tutte le cose da parte per rendersi libero di cercarlo Dio solo. Un secondo segno è l’amore per la preghiera nelle sue forme sia liturgiche che private. Un terzo segno è il desiderio di comunione e vita di comunità, vivere in un gruppo umano stabile, diventare un fratello, servire Dio in e con gli altri. Un quarto segno è un’intuizione che non posso andare a Dio da solo; Ho bisogno di una guida; devo imparare, essere discepolo; Voglio obbedire»- L’abate conclude con ciò che per lui è essenziale in tutto questo: «una relazione personale con Cristo: essere attratto dal suo insegnamento, i suoi sacramenti, la sua vita, la sua Chiesa, la sua Persona, suo Padre celeste e sua madre Maria».


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: