martedì 23 aprile 2024
  • 0
L’eroe dello zaino di Annency: «Una forza interiore mi ha guidato»
NEWS 10 Giugno 2023    di Lorenzo Bertocchi

L’eroe dello zaino di Annency: «Una forza interiore mi ha guidato»

Il tempo era bello ad Annecy lo scorso giovedì mattina e molte famiglie erano uscite di casa per passare qualche momento all’aperto. Mentre i più grandi erano a scuola, i piccoli erano in piazza. Il resto, ahimè, è tristemente noto. Un individuo è apparso, coltello in mano, e ha colpito, prendendo di mira specificamente i bambini nei loro passeggini. Paralizzati, la maggior parte dei testimoni non si è mossa, alcuni si sono affrettati ad allontanarsi, altri si sono accontentati di filmare.

Poi sulla scena è comparso un giovane, con in mano due zaini, che ha resistito fisicamente ai colpi dell’assassino, distogliendo la sua attenzione e tirandolo fuori dal perimetro dove si trovavano i bambini. Ha usato uno dei suoi zaini come protezione, prima di liberarsene per inseguire più velocemente l’aggressore. Il suo nome, si è poi scoperto, risponde a Henri d’Anselme, 24 anni, e per tutta la Francia ora è semplicemente «l’eroe dello zaino».

Originario dell’ovest di Parigi, Henry proviene da una numerosa famiglia cattolica praticante, e da diverse settimane faceva un tour della Francia per visitare le cattedrali. Il suo account Instagram intitolato “Il canto delle cattedrali”, testimonia che il giovane, che ha lasciato recentemente l’abbazia di Barroux, è apparso felice ed entusiasta del pellegrinaggio che stava compiendo. Dopo aver studiato filosofia all’IPC e conseguito un master in management, Henri è stato, per un certo periodo, tentato dal giornalismo in un media cattolico. Ma alla fine ha messo tutto stand by proprio per dare vita al suo progetto di attraversare la Francia delle cattedrali.

In sostanza, colui che nel suo viaggio ha detto di contare “sull’aiuto della Provvidenza” è stato un aiuto provvidenziale ad Annency per le vittime prescelte dal giovane siriano armato di coltello. Il pellegrino che andava incontro a Dio ha incontrato il Diavolo e gli ha sbarrato la strada.

«Prima ho provato a rincorrerlo con il mio zaino grande nel parco, ma per essere più veloce l’ho lasciato cadere e ho continuato a corrergli dietro con il mio zaino piccolo. Può sembrare sciocco quando ci pensi, ma cerchi solo di fare quello che puoi con quello che hai», ha dichiarato il giovane all’Associated press. «Se sto facendo un giro per le cattedrali francesi in questi giorni è per essere ispirato da ciò che è bello e grande, e questo probabilmente mi ha aiutato a prendere la decisione di agire».

«È molto misterioso da dire ma una grande forza interiore mi ha spinto a farlo, qualcosa di molto intimo mi ha spinto ad agire». (immagine: screen shot Youtube)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche