lunedì 19 aprile 2021
  • 0
NEWS 7 aprile 2021    di Redazione
L’insegnamento cattolico sulla Comunione si applica a tutti, politici compresi

L’insegnamento cattolico vede l’Eucaristia come il sacrificio trasformativo di Cristo sulla croce e questa Santa Comunione deve essere ricevuta solo degnamente. Questo insegnamento non è solo per alcuni, ma si applica certamente anche ai leader politici che sostengono l’aborto e l’eutanasia, ha detto il vescovo Thomas Olmsted di Phoenix in un’esortazione apostolica sul sacramento della Santa Eucaristia.

«La Santa Comunione è riservata a coloro che, con la grazia di Dio, fanno uno sforzo sincero per vivere questa unione con Cristo e la Sua Chiesa aderendo a tutto ciò che la Chiesa cattolica crede e proclama essere rivelato da Dio», ha detto il Vescovo, spiegando che l’insegnamento della Chiesa è stato «sempre chiaro e basato sulla Scrittura». Questo è il motivo per cui la Chiesa «richiede ai leader cattolici che hanno pubblicamente sostenuto leggi gravemente immorali come l’aborto e l’eutanasia di astenersi dal ricevere la Santa Comunione fino a quando non si pentono pubblicamente e ricevono il Sacramento della Penitenza», ha continuato nella sua esortazione, Veneremur Cernui.

«Non tutte le questioni morali hanno lo stesso peso dell’aborto e dell’eutanasia. La Chiesa insegna che l’aborto o l’eutanasia sono un peccato intrinsecamente grave e che c’è un obbligo grave e chiaro per tutti i cattolici di opporsi ad essi con l’obiezione di coscienza», ha detto il vescovo.

Olmsted ha affermato che l’attuale clima politico significa che la Chiesa può «facilmente essere accusata di favorire un partito. Tuttavia, la Chiesa sta solo riaffermando fedelmente il suo perenne insegnamento sull’Eucaristia e la degna ricezione della Santa Comunione che si applica a ogni singola persona». In un altro punto della lettera, ha spiegato che in un’indegna ricezione della Santa Comunione, il sacramento «diventa un sacrilegio». Aggiungendo: «la medicina spirituale diventa per quella persona – è spaventoso dirlo – una forma di veleno spirituale. Quando non crediamo veramente in Gesù, quando non cerchiamo veramente di conformare la nostra intera vita a Lui e ricevere Gesù anche se sappiamo di aver peccato contro di Lui, allora questo porta solo a un peccato e tradimento più grandi», ha detto Olmsted. 

La sua esortazione include incoraggiamenti a un aumento degli atti devozionali, nonché al pentimento e alla confessione. «La Chiesa invita tutti al banchetto nuziale e allo stesso tempo si impegna ad aiutare tutti ad arrivare adeguatamente vestiti con una veste battesimale purificata, affinché il Dono più grande – l’Eucaristia – diventi la sua distruzione spirituale», ha detto. Olmsted ha pubblicato l’esortazione del 1 aprile, Giovedì Santo, che segna l’istituzione dell’Eucaristia. «Più il Signore nell’Eucaristia è il nostro obiettivo centrale, più sicuramente ci condurrà attraverso queste acque scure e turbolente. In questo giorno in cui commemoriamo l’Istituzione dell’Eucaristia, io come vostro pastore supplico ciascuno di voi di cercare Gesù Eucaristia per essere rafforzato e rinnovato nella vostra fede».

«La Chiesa in generale sta vivendo una grave crisi di fede nell’Eucaristia. Questa crisi ha inflitto ulteriori significative implicazioni per l’autentico discepolato cristiano; vale a dire, un’abissale calo di partecipazione alla messa, un calo delle vocazioni al matrimonio, al sacerdozio e alla vita religiosa, un calo dell’influenza cattolica nella società. Come nazione stiamo vivendo un torrente di assalti alla verità. Il messaggio del Vangelo è stato annacquato o sostituito con ambigui valori mondani», ha continuato Olmsted. «Molti cristiani hanno abbandonato Cristo e il suo Vangelo e si sono rivolti a una cultura secolare per il significato che non può fornire e per saziare una fame che non potrà mai soddisfare. In tali acque agitate, la nostra più grande ancora in queste tempeste è Cristo stesso, che si trova nella Santa Eucaristia».

«Ogni Messa, dove è presente Cristo, ha un valore “incommensurabile” e rende accessibile la grazia “insondabile”». Ricevere la Santa Comunione significa cambiarci e trasformarci in Cristo, ha spiegato: «Essere assimilati da Gesù nella Santa Comunione ci rende simili a Lui nei nostri sentimenti, nei nostri desideri e nel nostro modo di pensare. Nella Santa Comunione, il suo cuore nutre i nostri cuori; I suoi desideri puri, saggi e amorevoli purificano i nostri egoisti, in modo che non solo sappiamo cosa Lui vuole, ma iniziamo anche a desiderare lo stesso sempre di più». L’Eucaristia trasforma anche coloro che la ricevono bene in «un solo corpo, un solo spirito in Cristo. «Se riceviamo il Signore con le giuste disposizioni, la grazia di Dio rafforzerà la nostra determinazione a seguirlo, amarlo e imitarlo. Nostro Signore Gesù desidera profondamente la nostra unione con Lui nella Santa Comunione e attraverso di essa desidera realizzare la nostra trasformazione in Lui e la trasformazione della nostra società in cui viviamo. Ma noi, da parte nostra, dobbiamo desiderare ardentemente anche questa unione con Gesù Cristo», ha detto.

«Ci sono situazioni in cui possiamo onorare Dio più astenendoci dalla Santa Comunione che soddisfacendo un desiderio personale di riceverlo sacramentalmente in comunione», ha detto, raccontando una madre cattolica che si è astenuta dalla santa comunione per diversi anni perché viveva in modo irregolare il matrimonio. Tuttavia, ha assistito fedelmente alla messa con i suoi figli e ha preso parte regolarmente all’adorazione eucaristica. Olmsted ha sottolineato la necessità di preservare la domenica come il “Giorno del Signore” e lo scopo ultimo della settimana. Abbracciare qualcos’altro, anche una cosa buona, come più importante dell’adorazione di Dio risulterà in “schiavitù di qualche fissazione buona ma creaturale” e “esaurimento spirituale e scoraggiamento”. La domenica non riguarda semplicemente la libertà dal lavoro, poiché la libertà dal lavoro servile fa sì che “siamo liberi di partecipare all’opera della nostra Redenzione”.

«Molti cattolici si sono allontanati dalla pratica della Messa domenicale, concentrandosi più sul lavoro, sullo sport, sul sonno o sull’intrattenimento piuttosto che sul Signore. Ci sono anche quelli che sono lì fisicamente ma non con la loro fede», ha detto Olmsted. «Possono venire a messa ma non ricevono Gesù con fede, amore e riverenza perché pensano di ricevere solo un simbolo invece di Dio stesso che è morto per loro. C’è chi viene fisicamente a Messa, ma il loro cuore non vede l’ora di lasciare la presenza di Gesù. In effetti, l’Eucaristia è difficile da credere! Pertanto, è importante per noi avere pazienza e compassione per coloro la cui fede è debole. Tuttavia, la chiamata alla fede è urgente». (Fonte)

 

Il Timone ha intervistato il Vescovo di Phoenix riguardo alla sua lettera pastorale rivolta agli uomini cattolici e intitolata Sulla breccia!  Leggi qui 


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il Timone

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone dal tuo PC, da tablet o da smartphone

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: