mercoledì 30 novembre 2022
  • 0
NEWS 4 Gennaio 2022    di Redazione

L’olimpionica Erika Brown, sugli uomini trans nello sport femminile: “Non possiamo permetterlo”


Will Thomas (a destra) con la sua compagna di squadra della squadra femminile, Hannah Liu.

Poco più di un mese fa, il nuotatore transgender Will Thomas ha fatto scattare tutti gli allarmi nel mondo del nuoto vincendo tre eventi femminili all’annuale Zippy Invitational dell’Università di Akron. Thomas ha trascorso anni partecipando alle gare di nuoto maschile fino a quando non ha iniziato la sua terapia per il “cambio sesso”. Ora, sotto il nome di “Lia” sta infrangendo tutti i record della categoria femminile.

Da allora, la polemica sulla partecipazione degli uomini transgender agli sport femminili ha inondato i media e i dibattiti sui social network. L’ultima a partecipare al dibattito è stata Erika Brown. Per la due volte campionessa degli Stati Uniti e medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo, la situazione è chiara. Le donne biologiche sono svantaggiate quando competono con uomini biologici transgender, dice Brown, che ha iniziato il suo post su Instagram affermando «che siamo tutti figli di Dio e siamo chiamati ad amarci gli uni gli altri», ma ha espresso con forza la sua posizione sullo sport.

«Non possiamo permetterlo. Un uomo biologico attraversa la pubertà maschile e anche quando ha fatto la transizione ha ancora la fisiologia di un uomo», ha detto. «Alcuni anni di testosterone e bloccanti degli estrogeni non cambiano il fatto che [un uomo transgender] ha muscoli più forti, un cuore più grande e una maggiore capacità polmonare di una donna», ha aggiunto Brown.

Per questo motivo era determinata a “difendersi” da quella che considera una chiara minaccia in ambito sportivo. «È tempo di iniziare a difendere lo sport femminile prima di perdere ciò per cui tante persone hanno combattuto prima di noi», ha aggiunto.

Thomas è stato membro della squadra di nuoto maschile dell’Università della Pennsylvania per diversi anni prima di passare alla squadra di nuoto femminile sempre dell’Università della Pennsylvania. Dopo un anno di terapia lontano dallo sport a causa della pandemia, Thomas ha iniziato la sua prima stagione nella squadra femminile raggiungendo le prime posizioni del paese nelle categorie 1500, 450 e 180 stile libero.

Non sono pochi i nuotatori e le famiglie della squadra che hanno espresso le loro lamentele sullo svantaggio, e sebbene “Lia” soddisfi tutti i requisiti richiesti dall’Università, i risultati schiaccianti sul resto della squadra non consentono di nascondere l’evidenza della sua più grande forza e capacità fisica. (Fonte)

Nel video, Will Thomas vince una gara femminile con 40 secondi di anticipo rispetto alle altre atlete.

 


Potrebbe interessarti anche