sabato 28 gennaio 2023
  • 0
NEWS 7 Dicembre 2022    di Redazione

Nuovo Comitato per la bioetica: più pluralismo, facce nuove e conferme

Con un Dpcm datato 6 dicembre è stato nominato il nuovo Comitato nazionale di bioetica, il governo Meloni manifesta un atteggiamento più pluralista di quanto finora si era visto. Considerando quanto da anni certe spinte liberal la facciano da padrone, non ultima la proposta di regolamento della Commissione UE che apre agli effetti aberranti dell’utero in affitto, le nuove nomine rappresentano un segnale e un contrappeso.

Il nuovo presidente è Angelo Vescovi, biologo, professore all’Università di Milano Bicocca, direttore scientifico di Casa Sollievo della Sofferenza a San Giovanni Rotondo, dell’Istituto di genetica umana “G.Mendel” di Roma, della Banca delle Cellule staminali cerebrali umane e del Centro di Nanomedicina dell’Ospedale Niguarda di Milano. Tre i vicepresidenti, tra cui il confermato Riccardo Di Segni, Rabbino capo della Comunità ebraica di Roma e due new entry, il professor Mauro Ronco, professore emerito di diritto penale all’Università di Padova e presidente del Centro Studi Livatino, e la professoressa Maria Luisa Di Pietro, bioeticista dell’Università Cattolica e direttore del Centro di Ricerca e Studi sulla Salute procreativa e coordinatrice del Centro Studi e ricerche per la regolazione naturale della fertilità.

Sempre tra le nuove nomine si segnalano, tra gli altri, il presidente degli Psichiatri cattolici Tonino Cantelmi, il giurista Alberto Gambino, presidente di Scienza & Vita, Domenico Menorello, avvocato e portavoce della piattaforma del laicato cattolico denominata “Sui tetti”, Giuliana Ruggieri, medico chirurgo, la professoressa Claudia Navarini, professoressa di filosofia morale all’Università Europea di Roma, la professoressa Maria Grazia De Marinis, professoressa all’Università Cattolica e esperta di cure palliative, Assuntina Morresi, docente di Chimica fisica all’Università di Firenze ed editorialista di “Avvenire”. Ecco quindi l’elenco completo dei nuovi membri della Comitato nazionale di bioetica: Prof.ssa Luisella Battaglia; Prof. Carlo Antonio Barone; Prof. Raffaele Calabrò; Prof. Stefano Canestrari; Prof. Tonino Cantelmi; Prof.ssa Cinzia Caporale; Prof. Giuseppe Casale; Prof. Lorenzo d’Avack, Prof. Antonio Da Re, Prof.ssa Maria, Cons. Luisa De Renzis, Prof. Alberto Gambino, Prof.ssa Maria Pia Garavaglia, Prof. Silvio Garattini, Dott.ssa Matilde Leonardi, Dott. Andrea Domenico Maria Manazza, Avv. Domenico Menorello, Prof. Maurizio Mori, Prof.ssa Assunta Morresi, Prof. Alessandro Nanni Costa, Prof.ssa Claudia Navarini, Dott. Carlo Maria Petrini, Prof.ssa Giovanna Razzano, Dott. Marcello Ricciuti, Dott.ssa Giuliana Ruggieri, Prof. Luca Savarino, Prof.ssa Lucetta Scaraffia, Prof. Stefano Semplici, Prof. Grazia Zuffa.

Il Cnb resta in carica quattro anni a decorrere dalla data del 6 dicembre 2022. «Esprimo profonda soddisfazione per la costituzione del Comitato Nazionale di Bioetica», ha commentato il Presidente Meloni. «Nella nomina di questo importante organismo si è tenuto conto dei criteri di pluralismo ideale e professionale, e dell’inclusione di un’ampia varietà territoriale, di esperienze e provenienze. Nel Cnb sono stati assicurati la prevista rotazione dei membri, l’equilibrio di genere e le rappresentanze delle aree medica, filosofica, giuridica, delle competenze biotecnologiche e religiose».

In altri anni la cultura liberal e laicista era tendenzialmente predominante anche all’interno del Comitato nazionale di bioetica, con le nuove nomine si spera possa aprirsi una fase in cui il dibattito non sia solo una bella parola dietro cui schierarsi, ma un effettivo metodo di lavoro che non pregiudica culture e idee.


Potrebbe interessarti anche