mercoledì 04 agosto 2021
  • 0
NEWS 26 gennaio 2021    di Redazione

Stéphanie Bataille: «Non avevo il diritto di vedere mio padre, mentre lui mi chiamava»

Stéphanie Bataille è un’attrice e vicedirettrice del Teatro Antoine di Parigi. Suo padre, comico e attore, Étienne Draber, è morto di Covid-19 l’11 gennaio 2021. In una lettera pubblicata su Le Figaro l’attrice si rivolge al presidente Macron e al ministro della salute francese. Non c’è solo il dolore indicibile di una donna che ha perso il padre, ma c’è lo strazio, purtroppo comune a tanti anche in Italia, di aver perso un proprio caro senza nemmeno poterlo accompagnare nell’ultimo metro. Per tacere dell’insopportabile grido di questi pazienti lasciati soli a morire negli ospedali.

“Privazione del contatto umano”, “regolamenti disumani”, “carenze di risorse umane e materiali”, “impossibilità di assisterli anche dopo morti”, è questa la litania di Stephanie che giustamente si domanda: “Non possiamo essere privati ​​di questa libertà fondamentale di accompagnare i nostri cari fino alla fine”. Perché questa storia della pandemia, come titoliamo sul Timone di gennaio, deve poter trovare un senso. “Questo virus”, dice ancora la Bataille, “deve interrogarci sul significato della Vita”, perché, aggiungiamo noi, “vivere non è sopravvivere” e si deve andare oltre alla pur importante sicurezza della salute di tutti. Dovremmo chiederci sempre cosa rende una vita veramente umana e cosa la salva dal caso e dall’assurdo scorrere del tempo. E’ con la nostra limitatezza che dobbiamo fare i conti, altrimenti anche questa pandemia passerà invano, tra una crisi di governo e l’altra. (L.B.)

Pubblichiamo una nostra traduzione di gran parte della lettera di Stéphanie Bataille.

Signor Presidente della Repubblica,
Signor Ministro della Salute,

Vi parlo perché vorrei sensibilizzare su ciò che le famiglie vivono quotidianamente in Francia a causa di regolamenti inetti, disumani, odiosi e devastanti, che non hanno alcun significato. Non sto attaccando nessuno sulla gestione di questa crisi straordinaria. Viviamo tutti in tempi difficili su scala planetaria. Ma mi affido alla mia storia personale per raccontarvi cosa sta realmente accadendo sul campo.

L’ospedale pubblico AP-HP, luogo perfetto dove recarsi per uscirne guariti o almeno in forma migliore, aggiunge alla sofferenza dei pazienti una privazione del contatto umano che, per alcuni di loro, può rivelarsi fatale. Mio padre è entrato in un ospedale pubblico parigino, per una procedura cardiochirurgica. Quest’ultima è andata molto bene; (,,,). Purtroppo come molti dei tuoi concittadini, mio ​​padre ha contratto il coronavirus nel luogo della guarigione. Infatti il ​​personale infermieristico, che saluto e ringrazio, e di cui potete essere orgogliosi, non è né testato né vaccinato. C’è una grave carenza di risorse umane e materiali.

Mio padre è stato collocato in un’unità Covid, dove all’ingresso dell’edificio non c’è il gel idroalcolico o la misurazione della temperatura. Questa unità, al 3 ° piano, non consente la visita di familiari o parenti. Possiamo solo stare davanti ad un lungo corridoio dove sul fondo c’è una porta su cui compare questo cartello: “VIETATO ENTRARE – COVID”, con un codice digitale che consente l’accesso.

Dall’altra parte di questa porta ci sono i pazienti, ma è impossibile vederli. Possiamo portare loro solo pasti o effetti personali che diamo alle infermiere. Perché il personale sanitario può andare al capezzale, ma non i parenti? Sono vestiti come potremmo essere noi: soprabito, maschera, guanti, copriscarpe. Osservando tutti i gesti necessari per la sicurezza. Ogni giorno andavamo in ospedale sperando che quella porta si aprisse. Dieci giorni chiusi in una stanza, cosa significa questa punizione? Chi può ordinare una tale misura? Non potemmo più vedere mio padre, mentre ci chiamava ad alta voce. Ogni giorno andavamo in ospedale sperando che la porta si aprisse. Abbiamo ricevuto solo rifiuti categorici.

Un detenuto ha diritto a visite regolamentate. Dovrebbe essere lo stesso negli ospedali, nelle case di cura, senza ulteriori indugi. Riscopriamo la nostra umanità. I pazienti muoiono di solitudine, depressi, sopraffatti dalla sofferenza di non essere in contatto diretto con la persona amata. Senza contare che questa separazione dettata e imposta è insormontabile per le famiglie, com’è possibile imporre che non si potesse nemmeno assisterlo dopo la morte? Come piangere? Il defunto non ha diritti di visita. Non possiamo neanche riconoscerne i volti.

Abbiamo una tripla condanna: mio padre ha contratto il virus in ospedale, ci è stato proibito di visitarlo e abbiamo lasciato migliaia di persone abbandonate, con l’impossibilità di vegliare davanti ai loro resti. È indicibile! In tali condizioni, la ricostruzione è impossibile. Non possiamo essere privati ​​di questa libertà fondamentale di accompagnare i nostri cari fino alla fine. Dobbiamo avere il coraggio di fare tutto ciò che è in nostro potere per garantire che i malati siano supportati durante questa prova.

Questo disordine mette in pericolo la mente e porta a danni psicologici irreversibili ai vostri concittadini. Come andare avanti, per continuare a vivere? Questo virus deve interrogarci sul significato della Vita, a come proteggere e prendersi cura dell’Altro e in nessun caso arrendersi alla fatalità. I nostri ricercatori sono orgogliosi di migliorare l’aspettativa di vita. Le persone lottano per la dignità ogni giorno. Non c’è un’età per morire. “Un vecchio che se ne va è una biblioteca in fiamme”. Quindi vi chiedo a nome di tutti, sicuramente, che le famiglie possano visitare i loro cari qualunque sia la causa del loro ricovero e che gli ospedali forniscano loro gli strumenti protettivi necessari (soprabiti, guanti …) per questo. In modo che non ci siano rischi. Dobbiamo avere il coraggio di fare tutto ciò che è in nostro potere per garantire che i malati siano supportati durante questa prova.
Oso ancora e spero di potervi dire già grazie. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche