martedì 02 marzo 2021
  • 0
NEWS 10 agosto 2020    di Carlo Caffarra
Vivere o vivacchiare? Il card. Caffarra e la risposta di san Lorenzo

Pubblichiamo un breve stralcio dell’omelia tenuta dal cardinale Carlo Caffarra il giorno 10 agosto 2014 a Castiglione dei Pepoli (BO)

(…) Dopo che Gesù ha parlato di se stesso sotto la figura del grano di frumento [“se il chicco di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto”], si rivolge a noi, ai suoi discepoli. E dice: “chi ama la sua vita la perde; e chi odia la sua vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna”.

Dunque il Signore ci dà questo avvertimento. “Fai bene attenzione: c’è un modo di amare la propria vita, che in realtà è odio della medesima, perché ti porta alla rovina”. Quando accade questo stravolgimento?

Il martire Lorenzo ci dà la risposta. Egli è stato messo di fronte a due possibilità: o salvare la propria vita tradendo Gesù o perdere la propria vita rimanendo fedele a Gesù. Lorenzo non ha avuto dubbi. Ha perso la vita in questo modo, e l’ha così conservata per la vita eterna. Perché ha fatto questa scelta? Perché per lui vivere era Cristo, e separarsi da Lui era la morte.

Ecco, fratelli e sorelle, abbiamo la risposta alla domanda da cui siamo partiti. Odia la sua vita, chi preferisce vivere alle ragioni per cui vale la pena vivere.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il Timone

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone dal tuo PC, da tablet o da smartphone

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: