lunedì 10 agosto 2020
  • 0
NEWS 26 luglio 2020    di Redazione
Il peccato più alla moda

Settembre 1997, pubblichiamo una risposta del cardinale Giacomo Biffi a una domanda di Saverio Gaeta. L’intervista integrale è stata pubblicata sul mensile Jesus in vista dell’allora 23° Congresso eucaristico nazionale

Di Giacomo Biffi

«(…) mi piace citare l’Amleto, dove vien detto: “Noi siamo indegni farabutti tutti quanti”. È una frase che coglie bene la tragedia dell’uomo che non è mai all’altezza di ciò che sente di dover essere, e che quindi ha bisogno di superare la propria miseria morale. Infine, la miseria più incontestabile è la morte, intesa non semplicemente come fine dell’esistenza, ma come annientamento di tutto quel che si è fatto. Questo per me è un assurdo: perché mai dovremmo venire al mondo, perché mai dovremmo uscire dal nulla, soltanto per poi ritornare nel nulla?

«Di fronte a questa miseria umana, io non trovo da nessuna parte uno che dia risposta e salvezza, se non Cristo, il quale ci salva perché propone un senso e un traguardo alla nostra esistenza, perché ci offre il perdono dei peccati. Non è infatti vero, come si dice oggi, che non c’è più il “senso del peccato”: basta vedere le denunce di tutti i tipi che vengono fatte sui giornali e alla televisione. Casomai, non c’è più il senso del peccato proprio, ma soltanto di quello altrui».


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: