lunedì 22 aprile 2024
  • 0
Dove c’è Maria, c’è cultura
NEWS 25 Febbraio 2018    

Dove c’è Maria, c’è cultura

Carrie Gress è una blogger cattolica nordamericana , che ha vissuto in Francia, in Polonia e in Italia (a Roma) e mostra nei suoi articoli il rapporto tra Cristo e la Vergine Maria con la bellezza come argomento apologetico. È autrice di diversi libri, uno dei quali in collaborazione con George Weigel , biografo di San Giovanni Paolo II . Uno dei suoi post più recenti parla di Maria come creatrice di cultura, riconosciuta anche da alcune personalità “insospettabili” …

PERCHÉ MARIA È IL MIGLIORE PROMOTORE DELLA CULTURA

“Nel mio libro The Marian Option [L’opzione mariana: la soluzione di Dio per una civiltà in crisi] ho dedicato molto spazio a parlare di come Maria sia una fonte di cultura unica. Certamente l’idea non era mia, ma proviene da alcuni fonti inconsuete.

Il primo è Henry Adams (1838-1918), nipote del presidente John Quincy Adams (1825-1829) e pronipote del presidente John Adams (1797-1801), uno dei padri fondatori. All’inizio del XX secolo, Adams, un protestante che aveva a lungo vissuto in Europa, ha scritto sull’enorme potere esercitato dalla Vergine Maria: “I secoli XII e XIII furono un periodo in cui gli uomini erano al loro punto di forza; mai prima o dopo aver mostrato energia simile in così tante direzioni diverse, né così tanta intelligenza nel dirigere quell’energia; e tuttavia, di fronte a queste meraviglie della storia si prostrarono davanti a una donna”.

Ciò che Adams ha riconosciuto più di un secolo fa, quando attraverso le città, le chiese, cattedrali e cimiteri, era che il vertice della cultura europea è stato incentrato sulla devozione alla Madonna . Nei luoghi dove la cultura europea si è espansa, si è diffusa la devozione alla Madonna.

Maria come un capolavoro
Decenni dopo, lo storico dell’arte Sir Kenneth Clark dichiarò che c’è qualcosa di insolito nell’elemento femminile nella religione e nella cultura. Sir Clark afferma: “Solo le religioni maschili [un riferimento a Israele, all’Islam e al nord protestante] non hanno prodotto alcuna immagine religiosa , e nella maggior parte dei casi l’hanno espressamente vietato. L’arte delle grandi religioni del mondo è profondamente coinvolta nel principio femminile”. È Maria, certamente, che porta quel principio femminile.

Il mariologo Johann Roten offre una spiegazione teologica per l’influenza culturale di Maria: “Come capolavoro , Maria si riferisce direttamente al divino artifex : lei è parte della manifestazione creativa delle meravigliose dita di Dio”. E continua: “La bellezza di Maria è la bellezza della promessa e della speranza”. La cultura mariana è, quindi, un’estensione delle virtù mariane. Non è arte per l’arte, né bellezza per bellezza, ma, come Maria stessa, è diretta a qualcosa, in questo caso a qualcuno, al di là di se stesso. Contemplando gli elementi materiali della cultura mariana, come arte, musica, architettura e letteratura, lo spettatore non solo gode della loro bellezza o intelligenza in se stesso, ma entra nella storia di Cristo .

Anche il vescovo Fulton Sheen ha notato che l’influenza di Maria deriva dal suo ruolo di donna che edifica gli uomini. Scrisse: “Quando un uomo ama una donna, succede che più una donna è nobile, più è nobile l’amore; più alte sono le loro richieste, più meritevole deve essere l’uomo. Ecco perché le donne sono la misura del livello della nostra civiltà “. Quando gli uomini amano la più nobile delle donne, la barra della cultura sale a nuove vette.

Fonte: Religion en liberdad

 


Potrebbe interessarti anche