domenica 19 maggio 2024
  • 0
Olivia Maurel: «Io, figlia dell’utero in affitto, mi sono sentita merce e dico basta a questo mercato»
NEWS 6 Aprile 2024    di Paola Belletti

Olivia Maurel: «Io, figlia dell’utero in affitto, mi sono sentita merce e dico basta a questo mercato»

Olivia Maurel, una giovane donna che ha scoperto di essere nata da maternità surrogata e patisce sulla propria pelle l’ingiustizia di essere vittima di tale pratica, dopo essere stata ricevuta giovedì dal Papa, ieri mattina, intorno alle ore 12, ha parlato nella prima delle due giornate di lavori della Conferenza Internazionale per l’Abolizione Universale della Maternità Surrogata. Obiettivo dell’evento che ha coinvolto personalità provenienti dai 5 continenti è quello «di sostenere e incoraggiare le iniziative nazionali e internazionali, che portino all’adozione di un trattato internazionale per l’abolizione della maternità surrogata».

Poiché globale è la dimensione del fenomeno, dello stesso ordine deve essere la risposta in grado di porre fine al mercato tragicamente florido di madri e bambini. Questa è la premessa che ha portato alla Dichiarazione di Casablanca nel marzo dello scorso anno con lo scopo di istituire un trattato per la messa al bando internazionale della maternità surrogata – pratica disumana a cui il Timone ha dedicato un’inchiesta speciale – e, come riferisce Marco Guerra per Vatican News , «dopo poco più di un anno dalla sua fondazione, il movimento(…) si è ritrovato venerdì 5 aprile, e sabato 6, a Roma presso l’Università Lumsa per fare il punto su questo sforzo per la dignità delle donne e dei bambini».

La scelta di Roma come sede dell’evento intende sottolineare il ruolo del governo italiano come apripista e modello sul fronte legislativo per aver approvato, per ora solo alla Camera dei Deputati, un testo di legge «che persegue la pratica della surrogata anche se commessa all’estero; a breve il testo passerà all’esame del Senato per l’approvazione definitiva. Si tratta di una delle prime iniziative normative di questo genere al mondo». Servono gli strumenti giuridici adeguati e una strategia condivisa per ottenere il risultato atteso; la motivazione a sostegno di tale sforzo emerge invece in un modo che non si può equivocare soprattutto dalle testimonianze delle vittime.

Per questo riportiamo ampi stralci del discorso che Olivia Maurel ha tenuto nella mattina di ieri: francese, 32 anni, figlia della surrogata e ora moglie e madre è la Portavoce del movimento Dichiarazione di Casablanca. Per la propria storia personale, dunque, paga con intensa sofferenza il prezzo per aver subito tale abuso, perché di abuso si tratta: essere oggetto di un contratto e venire tolti alla madre che ci ha portati in utero e ha intessuto con noi un rapporto unico e insostituibile altro non è che una forma di violenza e tra le più radicali e traumatiche. Il titolo del suo intervento è eloquente: «Il bambino oggetto del contratto: testimonianza di una donna nata tramite maternità surrogata».

Dopo avere ringraziato tutti i presenti e gli organizzatori per l’impegno profuso nella realizzazione dell’evento, ha ricordato le dimensioni spaventose del giro d’affari che la cosiddetta GPA genera: «I paesi devono iniziare ad assumersi le proprie responsabilità e a proteggere i diritti delle donne e dei bambini dall’avida industria della maternità surrogata che, devo ricordarvi, si stima raggiungerà i 129 miliardi di dollari entro il 2032. Poiché ho l’onore di parlare tra i relatori più prestigiosi, mi limiterò a parlare della mia storia personale. (…) Ora viaggeremo indietro di oltre 40 anni, quando tutta la mia storia ebbe inizio, prima del mio concepimento. I miei genitori committenti si sono conosciuti, mia madre committente aveva già avuto un figlio con un altro uomo, da una precedente relazione. I miei genitori hanno avuto affari di successo perché sì, sono due persone estremamente intelligenti. (…) Il denaro scorreva a fiumi, erano all’apice della loro carriera e il desiderio di fondare una famiglia cominciava a emergere nelle loro teste. A quel tempo mia madre aveva 48 anni, mio ​​padre 37 e mia madre aveva già avuto problemi di infertilità. Mio padre, con il quale ho avuto una discussione, voleva un figlio con i suoi stessi geni e non voleva adottarlo, quindi la maternità surrogata era l’unica soluzione a loro disposizione, piuttosto che rinunciare ad avere un figlio.


Hanno deciso di rivolgersi agli Stati Uniti, e più precisamente a Louisville, nel Kentucky, per trovare un’agenzia che potesse aiutarli a trovare una madre surrogata. I miei genitori hanno prima fornito all’agenzia un elenco di criteri riguardanti la donna e il suo aspetto, perché sono nata tramite maternità surrogata tradizionale, non gestazionale (che fornisca cioè solo l’utero e non anche l’ovocita, Ndr), il che significa che la mia madre surrogata sarebbe stata biologicamente imparentata con me, anche se non fa alcuna differenza dal momento che sappiamo che la madre per definizione è colei che porta in grembo il bambino. Mater semper certa est, La madre è sempre certa. Passa circa un anno e i miei genitori devono essere riaccoppiati con un’altra madre surrogata, poiché la prima non poteva portare gli embrioni. Fu allora che l’agenzia assunse la mia madre biologica e, miracolosamente, rimase incinta pochi mesi dopo aver firmato il contratto.

Si dice spesso che le agenzie esaminino la psicologia delle donne attraverso test molto approfonditi, che si assicurino che non abbiano debiti da pagare, ma questo semplicemente non è vero. 14 miliardi di dollari era il mercato della maternità surrogata nel 2022, e pensi onestamente che guarderanno troppo da vicino le donne che potrebbero persino mentire durante le loro interviste? Beh, ovviamente no. Il mio caso è un esempio perfetto: la mia madre surrogata era l’esempio perfetto di ciò che una madre surrogata non dovrebbe essere. Dio la benedica, non è colpa sua. Questa agenzia ha visto solo quello che voleva vedere quando l’ha assunta: cioè i soldi che poteva farle guadagnare. Hanno abusato della situazione di una donna che aveva bisogno di soldi per nutrire i suoi figli e pagare le bollette.

(…) Appena nata non sono stata messo tra le braccia della mia madre biologica, la madre che mi aveva portato in grembo per quasi 9 mesi, colei che mi ha nutrito, colei che mi ha parlato, colei in cui ho potuto sentire ogni emozione che la invadeva, colei che, alla fine, era l’unica persona che conoscevo. (…) Da bambina mostravo già i segni del trauma dell’abbandono. Stavo già attraversando una battaglia interiore: come potevo costruire me stessa senza sapere da dove venivo? Come potevo sapere chi diventare se non sapevo chi ero veramente? Durante la mia vita da giovane adulta, sono sprofondata nell’alcol, nelle dipendenze e sono stata violentata perché mi mettevo costantemente al limite. Ho fatto diversi tentativi di suicidio.

Non sono mai riuscita ad avere amicizie normali, poiché soffocavo le persone che cercavano di essere mie amiche, temendo che mi abbandonassero, spingendole così alla fine a rifiutarmi, e queste situazioni ovviamente mi portavano alla depressione. Ero sola, instabile. Inoltre non sono mai riuscita a trovare un buon lavoro e nemmeno a finire gli studi a causa delle gravi fasi di depressione che ho dovuto attraversare. Ora, lasciate che vi racconti la storia di quando sono arrivata ai risultati del DNA che mi avrebbero mostrato la prova tangibile che sono nata tramite maternità surrogata. (…)

Ero un prodotto della maternità surrogata e l’ho sempre sentito dentro di me, un bambino fatto su ordinazione, una merce in cambio di soldi. Come si può guarire da questa pratica disumana? Come guarire da questo abbandono programmato, come accettarlo? Come possiamo comprare e vendere bambini sotto il glorioso nome della maternità surrogata, senza chiederci cosa diventeranno questi bambini in età adulta? Questi sono i pensieri, i sentimenti e le domande con cui combatto da quando avevo circa 17 anni e con cui combatto ancora oggi. Voglio che le persone capiscano che i bambini nati dalla maternità surrogata possono sviluppare traumi, che i bambini che nasceranno vengono troppo spesso dimenticati quando le coppie vogliono ricorrere alla maternità surrogata e che la maternità surrogata deve essere abolita in tutte le sue forme.»

Olivia Maurel prosegue raccontando il doloroso tormento interiore che sentiva per il sospetto sempre più forte di essere figlia dell’utero in affitto fino a maturare, con il sostegno del marito, la decisione di fare il test del DNA. «Il 15 dicembre 2021 ho finalmente il coraggio di fare il test del DNA. Mi strofino l’interno della bocca, invio il kit del DNA al laboratorio negli Stati Uniti per l’analisi. (…)Erano le 5.56 dell’11 gennaio 2022, era ancora buio e sentivo il freddo dell’inverno della campagna francese. (…)Mi sono alzata nella nostra casa fredda. Prima di aprire la posta, non riuscivo quasi a respirare e ho deciso di prendere una boccata d’aria fresca dal mio bellissimo giardino in questo paese, la Francia, paese a cui non sentivo di appartenere, ma ora sapevo esattamente perché. Stavo girando in tondo… ho deciso che avrei guardato il mio figlio più giovane, August, dormire. All’epoca aveva appena 3 mesi e mezzo. Era così calmo. Così sereno. Ricordo di essermi chiesto: ero così alla sua età, o sentivo davvero il terrore, la paura insondabile, il dolore incommensurabile? (…)

Il test del DNA alla fine rivelerebbe la mia origine etnica: sono in gran parte composto da sangue lituano e norvegese. Ma è accaduto un miracolo, poiché il mio DNA è stato abbinato nel database con quelli che sarebbero stati mio cugino e mio zio. Questo cugino, per il quale ho un pensiero speciale oggi, alla fine mi avrebbe messo in contatto con il mio fratellastro, le mie sorellastre e mia madre, la mia surrogata. Questo mi avrebbe portato a mettere finalmente l’ultimo pezzo del puzzle della mia vita, parlando con mia madre e facendole domande che erano, per me, importanti per la mia guarigione. Ricordo che la mia prima reazione a quei risultati fu SI! Il mio istinto aveva ragione. Allora mi sono sentito sollevata, felice. Ma sentivo anche rabbia per il fatto che esiste la maternità surrogata. E può potenzialmente ferire altri bambini come me. Questo è un brevissimo riassunto della mia storia. (…) Non si regola una cattiva pratica, la si abolisce

Penso che sia la frase perfetta per questo evento, che si preannuncia molto interessante dal punto di vista dei nostri relatori. Siamo tutti qui, infatti, per cercare di capire come abolire concretamente la pratica della maternità surrogata in tutto il mondo. Questa pratica va avanti da troppo tempo, senza che venisse intrapresa alcuna azione concreta a livello internazionale. Oggi, 5 aprile 2024, come un bambino nato da maternità surrogata, imploro gli Stati di iniziare a redigere un trattato internazionale prendendo come esempio la Dichiarazione di Casablanca.

Oggi sono davanti a voi, come bambina nata tramite maternità surrogata, ma voglio che capiate che le mie parole hanno un costo, e un costo alto con conseguenze. La mia voce e la mia storia sono rare, inconsuete nella sfera pubblica. Siamo abituati a sentire le bellissime storie di genitori committenti, o anche di bambini che sono diventati giovani adulti felici, e non sono qui per denigrare o respingere il fatto che queste bellissime storie esistano. Né sono qui per puntare il dito contro di loro per dire che mentono. Al contrario, è un bene che queste storie esistano e auguro a queste persone una felicità infinita. Mi piace sempre sottolineare che non biasimo i genitori committenti, così come non biasimo i miei genitori per aver fatto ricorso alla maternità surrogata, poiché usano solo qualcosa che viene loro offerto su un piatto d’argento. Incolpo i Paesi, i governi, che permettono alla maternità surrogata di essere legale, che non intraprendono azioni per fermare la maternità surrogata nei loro paesi.(…).»

(Fonte foto: Ansa)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche